N. 79 Maggio 2024 | La posta in gioco nelle elezioni europee del 6-9 giugno

In vista delle elezioni europee di giugno l’Unione dei Federalisti Europei (UEF), insieme alla Association Jean Monnet, al Gruppo Spinelli, ai Young European Federalists (JEF-Europe) e a Guy Verhofstadt – parlamentare europeo, già primo Ministro del Belgio, che ha guidato i lavori per la stesura del Rapporto del Parlamento europeo con le proposte per la riforma dei Trattati che fanno seguito alle conclusioni della CoFoE (la Conferenza sul Futuro dell’Europa) -, hanno lanciato un Manifesto/Appello rivolto ai cittadini e alle forze politiche in vista del voto e della nuova legislatura e per avviare la rinascita del Comitato d’Azione per gli Stati Uniti d’Europa di Jean Monnet.
Questa Lettera Europea è dedicata alla diffusione di questo Appello/Manifesto. È possibile aderire al link https://bit.ly/441GybH

N. 78 Aprile 2024 | Per creare una vera difesa europea serve una profonda riforma dei Trattati

La minaccia alla sicurezza europea rappresentata dall’imperialismo russo sta costringendo gli Europei a porsi la questione della necessità di dotarsi di una difesa comune, per diventare capace di proteggersi da soli.

La Lettera europea vuole contribuire a questo dibattito spiegando che una vera difesa europea non è credibile se non si prevedono quei trasferimenti di sovranità a livello europeo per dotare l’Unione di una sua vera autonomia di governo, non solo liberandosi dai veti e dai ricatti degli Stati membri, ma anche creando le condizioni per poter esprimere un genuino interesse europeo, comune in quanto generale.

N. 77 Febbraio 2024 | Solo un’Europa sovrana può proteggere i suoi cittadini e i suoi Stati membri nella nuova fase di instabilità e competizione globale

Lo scorso 22 novembre il Parlamento europeo ha aperto la procedura di revisione dei Trattati UE. Spetta ora al Consiglio europeo convocare una Convenzione che discuta nel dettaglio il progetto di riforma dell’Unione europea.
Proprio in questa ottica – in vista del Consiglio europeo di marzo – la Lettera europea sottolinea l’urgenza di una profonda e coerente riforma dei Trattati e porta alla conoscenza un Memorandum (LINK) che spiega le ragioni per cui solo l’avvio di una Convenzione rappresenta l’unica strada percorribile per la riforma dei Trattati mentre né le procedure di revisione semplificata né gli adeguamenti in vista dell’allargamento possano soddisfare riforme efficaci dei Trattati.

N. 76 Dicembre 2023 | Il Parlamento europeo apre la procedura di riforma dei trattati: il significato del voto e le priorita’ per l’Europa

Lo scorso 22 novembre il Parlamento europeo ha approvato il Rapporto sulle proposte di modifica dei Trattati redatta dai membri del Gruppo Spinelli Guy Verhofstadt, Sven Simon, Gabriele Bischoff, Daniel Freund e Helmut Scholz. Il testo ha ricevuto 291 voti favorevoli, 274 contrari e 44 astensioni
É stata così attivata formalmente la procedura di revisione ex art. 48 TUE. Già nei prossimi giorni il Consiglio invierà al Consiglio europeo la richiesta di modifica con allegato il progetto dettagliato di emendamenti ai Trattati. Il Consiglio europeo dovrà dunque decidere a maggioranza semplice (14 governi su 27) se convocare una Convenzione che inizi a negoziare la riforma dell’Unione con i rappresentanti dei governi, dei parlamenti nazionali, della Commissione e del Parlamento europeo.
L’approvazione del rapporto crea un’importantissima opportunità per la battaglia federalista nonostante alcuni rilevanti modifiche che il testo ha ricevuto durante la fase di approvazione in plenaria.

Quaderni per la Conferenza sul futuro dell’Europa

Il 9 maggio 2021 è stata avviata la Conferenza sul futuro dell’Europa. Nei saggi che qui pubblichiamo vengono approfonditi i temi delle proposte che i federalisti europei pubblicano sulla Piattaforma digitale della Conferenza e che devono essere affrontati per realizzare un’efficace riforma in senso federale delle istituzioni dell’Unione Europea in questo momento storico.

La riforma dell’Unione Europea

Di Paolo Ponzano La riforma del sistema di voto nel Consiglio e nel Consiglio europeo La necessità di superare il potere di veto da parte di singoli Stati membri estendendo il voto a maggioranza a tutti i settori di competenza dell’Unione europea è sicuramente una questione centrale nel dibattito sul futuro del processo di integrazione europea. Secondo alcuni, tuttavia, l’abbandono dell’unanimità nei settori nei quali essa è tuttora applicata e la sua sostituzione con decisioni a maggioranza qualificata rappresenterebbero di per sé una riforma in grado di trasformare l’Unione europea in una Federazione, consentendole di emanciparsi dal controllo che gli Stati membri tuttora esercitano sul suo funzionamento. In questa nota si vuole invece spiegare perché la sola riforma del sistema di voto all’interno degli organi che rappresentano direttamente gli Stati non è sufficiente alla creazione di una Unione federale, e analizzare a quali passi deve accompagnarsi.

Cosa significa creare una capacità fiscale europea e perché è così importante per il processo di integrazione?

Di Luca Lionello e Giulia Rossolillo In seguito alla crisi sistemica che in questi ultimi anni ha vissuto l’Unione europea è iniziato un vasto dibattito tra cittadini, accademici, politici nazionali ed europei sul futuro del processo di integrazione. Coloro che credono ancora nel progetto dell’Europa unita hanno ribadito l’esigenza di rifondare l’Unione attraverso una serie di riforme istituzionali e il lancio di nuove politiche comuni al fine di soddisfare le aspettative e le aspirazioni dei cittadini europei. Tra le proposte di riforma avanzate finora, è necessario soffermarsi sul progetto di capacità fiscale data l’importanza strategica che esso può avere per il rilancio del processo di integrazione.Scopo del presente contributo è quello di spiegare:– cosa si intende per capacità fiscale;– perché è così importante;– la differenza rispetto ad altri progetti con i quali la capacità fiscale tende ad essere confusa;– come potrebbe essere realizzata la capacità fiscale nel quadro di una riforma complessiva dell’Unione. 

Il finanziamento dell’Unione europea

Di Giulia Rossolillo Proposte per una riforma dei Trattati per istituire una competenza fiscale dell’Unione europea La mancanza di un potere fiscale a livello europeo è una delle ragioni fondamentali della subordinazione del funzionamento dell’Unione Europea alla volonta politica degli Stati membri e della preponderanza del metodo intergovernativo nel quadro comunitario. Pertanto, per poter attuare politiche interne ed estere efficaci, che permettano agli Europei di proteggere i propri valori e i propri interessi nel mondo, è ormai essenziale affrontare la questione di istituire una competenza fiscale dell’Unione europea e discutere della relativa riforma dei Trattati.

Abolire il diritto di veto

Di Giulia Rossolillo La riforma del sistema di voto nel Consiglio e nel Consiglio europeo La necessità di superare il potere di veto da parte di singoli Stati membri estendendo il voto a maggioranza a tutti i settori di competenza dell’Unione europea è sicuramente una questione centrale nel dibattito sul futuro del processo di integrazione europea. Secondo alcuni, tuttavia, l’abbandono dell’unanimità nei settori nei quali essa è tuttora applicata e la sua sostituzione con decisioni a maggioranza qualificata rappresenterebbero di per sé una riforma in grado di trasformare l’Unione europea in una Federazione, consentendole di emanciparsi dal controllo che gli Stati membri tuttora esercitano sul suo funzionamento. In questa nota si vuole invece spiegare perché la sola riforma del sistema di voto all’interno degli organi che rappresentano direttamente gli Stati non è sufficiente alla creazione di una Unione federale, e analizzare a quali passi deve accompagnarsi. 

N. 73 Maggio 2021 | La nostra Europa federale, sovrana e democratica

Pubblichiamo l’Appello che l’UEF e il Gruppo Spinelli al Parlamento europeo hanno lanciano per chiamare a raccolta le forze che intendono battersi per costruire un’Europa sovrana e democratica.
Primi firmatari dell’Appello gli esponenti del Gruppo Spinelli al Parlamento europeo delle principali famiglie politiche.

N. 67 Marzo 2016 | Dopo Bruxelles

Gli attentati terroristici di Bruxelles hanno mirato al cuore un’Europa che già sembra in preda al caos per le sue debolezze strutturali. Eppure tutto quello che è necessario e urgente fare è sul tappeto, ma se non si riesce a iniziare a metterlo in pratica è perché implica la necessità di una cessione di sovranità ed un vero governo europeo federale.